BannerTopDEF2

La Diocesi è grata a don Canepari per il suo servizio

Omelia per le esequie di d. Corrado Canepari

Chiesa di S. Andrea, 28 dicembre 2022

 

1Gv 1,5-2,3

 

Giovanni, l’autore della prima Lettera che porta il suo nome, precisando che cosa significhi, per i discepoli del Signore, camminare nella luce richiama la necessità di rompere con il peccato e orientare la propria vita nell’orizzonte della misericordia. Questa dinamica trasforma i credenti in veri figli di Dio per grazia; più precisamente, li rende conoscitori di Dio e partecipi di una familiarità particolare in Cristo Gesù. L’apostolo si rivolge ad una comunità cristiana turbata dalla presenza di falsi predicatori e di annunci contrari all’evangelo; questi profeti perversi non intendono camminare in umile obbedienza alla verità, ma intendono piuttosto preferire un cristianesimo intellettuale, fatto di sforzi volontaristici umani, con la presunzione di avere un’esperienza più diretta di Dio. Sono credenti ipocriti che rinnegano la verità dell’incarnazione di Dio in Cristo Gesù, la Parola eterna fatta carne; annullano il suo chinarsi sulle debolezze degli umani; misconoscono il farsi pellegrino di Dio con l’uomo, nella libertà e per amore. Il testo della lettera di Giovanni invita anche i credenti nella Chiesa oggi a riflettere con attenzione e sapienza; essi troppo spesso sono tentati di esibire un amore troppo sentimentale, esclusivamente legato alle circostanze del tempo; si tratta di un amore illusorio, lontano dalla verità della sequela del Signore Gesù; rischia di essere un amore dilettantistico, volto più a gratificare se stessi che non a riconoscere in noi l’agire della misericordia di Dio.

Non risultano inopportune né estranee queste affermazioni dell’apostolo se consideriamo senza inutile enfasi la testimonianza di vita del sacerdote d. Corrado. Nel cammino del suo ministero presbiterale, vissuto come servizio alle comunità cristiane per le quali il Signore l’ha chiamato ad essere pastore e guida, d. Corrado ha indicato senza esitare l’unico verso il quale volgere lo sguardo: Gesù il Signore, vero Dio e vero uomo. Senza rincorrere consensi umani immediati, tenendosi lontano da una mondanità seducente e illusoria, permanendo nella fedeltà all’evangelo secondo la genuina tradizione della Chiesa cattolica, seppure con una modalità che poteva apparire ad uno sguardo superficiale, un poco integrista, ma senza allontanarsi dalla comunione ecclesiale, d. Corrado ha invitato a discernere che la strada della conoscenza di Dio è una via umana, quotidiana, storica ed è una via di libera obbedienza a lui e a nessun altro. La conoscenza di Dio non la si ottiene per conquista razionale esulando dalla quotidianità della storia e nemmeno fuori di noi stessi, ma riconoscendo pienamente la nostra umanità. Ma, come verificare se la nostra relazione con Dio non è semplicemente illusoria? Come possiamo conoscere che Lui dimora in noi? Come non essere vittime dei nostri falsi misticismi e riconoscere nella fatica della storia che camminiamo nella sua luce? Chi opera secondo la sapienza della Parola, la osserva e la custodisce riceve come dono l’amore che viene da Dio e solo così giunge ad una conoscenza perfetta di lui. L’amore gratuito che viene dal Signore, solo questo ci dà una conoscenza perfetta di lui.

Come conosciamo, allora, di dimorare e di aderire strettamente a Dio? L’apostolo risponde: se noi camminiamo e viviamo come ha fatto Gesù di Nazareth. Dio non è la proiezione dettata dalla nostra coscienza interiore o dei nostri desideri religiosi più nascosti. Dio è colui che ‘scende’ e si china su di noi (cfr. Is 63,19). Dio è l’amore che discende dall’alto e viene incontro a noi nella Parola, il Figlio unigenito Cristo Gesù e nella persona dell’altro che incontriamo. È mediante lui che siamo introdotti alla vera conoscenza del Padre. Il termine discriminante è Gesù e il come lui ha agito: compiendo solo la volontà del Padre, perdonando i peccati, accogliendo chi è considerato un escluso, annunciando la novità del Regno, dichiarando che nessuno è irrecuperabile, invitando al discepolato ‘dietro a lui’ fino alla morte. Conosciamo veramente Dio solo quando ci poniamo nella sequela di Gesù: questa è la fatica e la missione del discepolo.

Il momento autentico della verifica di questo amore è il nostro rapportarci con i fratelli. Questo è il segno distintivo della comunità dei discepoli del Signore Gesù. Questo fa dei discepoli veri pellegrini ‘nella luce’. La contraddizione più palese sarebbe quella di dichiarare Dio come termine primo e ultimo della nostra attesa e poi contraddirlo radicalmente nella estraneità verso i fratelli. È l’amore che sancisce la verità e l’autenticità della nostra fede (cfr. 1Cor 12,31b-13,13). Non amare, sarebbe un ripiombare nelle tenebre; rinunciare alla comunione con i fratelli e le sorelle nella Chiesa è l’abbandono del cammino di obbedienza ai comandamenti di Dio. Chi si separa dalla comunità di Cristo ricade nella tenebra e accecato non sa più dove va, perché non conoscendo più la luce non sa più dov’è la via e la vita.

Rendiamo grazie a Dio per la testimonianza fedele di d. Corrado. Le comunità cristiane che l’hanno avuto come pastore e guida, la diocesi stessa gli sono riconoscenti. Davanti al Signore chiediamo che venga accolto nell’abbraccio della sua misericordia e possa contemplare il volto di Colui che egli ha tanto cercato. La verità della vita eterna nella quale d. Corrado ha creduto e annunciato, sia il fondamento della nostra speranza in questo pellegrinaggio terreno. Agostino, parlando della vita dei discepoli come di un viaggio, che fa’ di loro dei veri e propri viandanti, annota nel suo Commento al Vangelo di Giovanni (40,10):

«Sei venuto al mondo, vi compi il tuo viaggio. Ci sei venuto per uscirne, non per restarvi. Sei un viandante; questa vita è soltanto una locanda. Serviti del denaro, come il viandante nella locanda si serve della tavola, del bicchiere, del piatto, del letto, con l’animo di chi si appresta a partire, non a rimanere. Se vi comporterete così, giungerete a conoscere le promesse del Signore».

 

+ Ovidio Vezzoli

vescovo di Fidenza

Al termine dell’omelia funebre pronunciata dal Vescovo Ovidio la comunità parrocchiale di S. Andrea ha voluto ricordare commossa il ministero del parroco don Corrado, testimone coerente e fedele del Signore che ha servito senza risparmiarsi nel nome della verità di Gesù Cristo. In particolare “ci ha insegnato a non uniformarci alle mode e alle ideologie del momento che ci rendono schiavi e ci allontanano dai sacramenti. Ci ha fatto capire nello stesso tempo che questa battaglia è difficile perchè è più comodo seguire gli stili di vita dominanti, lasciarsi anestetizzare dal telefonino o da quel “tabernacolo infernale” (così chiamava la televisione) invitandoci a spegnerla e ad aprire invece le Sacre Scritture. Ci ha richiamati alla difesa dei valori fondamentali che devono guidare il nostro agire, ovvero quelli della carità e del perdono. Per stimolare le coscienze non ha avuto paura di essere scomodo indicando l’unica luce di verità: Gesù Cristo, Figlio di Dio. Per questo ci ha esortato a cambiare il nostro modo di vivere la fede ed essere cristiani “veri” in tutte le manifestazioni della nostra vita a partire dalla famiglia e dal lavoro, guidati da un autentico spirito missionario. Ci ha guidati sulla via che lui aveva ben chiara, quella che porta alla salvezza e che ci pone al cospetto di Dio perchè la vita continua anche dopo la morte: Cristo risorto è la nostra speranza. Pur nel dolore di questa perdita improvvisa, proclamiamo con il salmista: “Il nostro aiuto è nel nome del Signore, che ha fatto cielo e terra”. E di fronte alla morte di don Corrado con coraggio diciamo: “Anche questo è per il Bene”. Sia lodato Gesù Cristo.

S. Pedretto, il ricordo dei Neocatecumenali

Lo avevamo sentito al telefono il giorno prima del suo malore; gli abbiamo detto che saremmo andati a trovarlo nei giorni a seguire e lui ci ha risposto: “Se non ci vedremo qui, ci vedremo in Cielo”. Don Corrado pur non appartenendo al “Cammino” ha svolto per un certo tempo la funzione di presbitero di una comunità nata a San Pedretto. Tante volte poi ha celebrato con noi l’Eucarestia e le Penitenziali. E’ stato un consigliere prezioso per i giovani. Abbiamo visto la sua grande concreta generosità nell’aiuto ai seminari e alle famiglie in missione del “Cammino”. Gli abbiamo voluto molto bene. Lo ricorderemo sempre nelle nostre preghiere e siamo sicuri che da lassù lui pregherà anche per noi.

Le conversazioni in canonica con Sergio

Anche se non sono assiduo alle celebrazioni che si svolgono presso la parrocchia di S. Andrea, riconoscevo in don Corrado un uomo di profonda fede, di grande spiritualità e di ricerca interiore, oltre che di studio e approfondimento teologico. Le sue serate in solitudine trascorse in canonica scorrevano tra le preghiere e le letture; quando dialogavo con lui, sapendo della mia origine fiorentina, mi citava spesso don Milani e il cardinale Dalla Costa. Riposa in pace, caro don Corrado.

 

Foto di Rino Sivelli

 

 

NOTA! Questo sito utilizza solo cookies tecnici strettamente necessari al suo funzionamento, NON sono presenti cookies di tracciamento dell'utente

Puoi "Approvare" o leggere le note tecniche di riferimento... Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.
Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.
Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.
Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.
Tipologie di cookies utilizzati
Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.
Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.
Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.
Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.
Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.
Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.
Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie
Prima parte Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata
Cookie persistente


2) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)


3) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)
Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

 

Informativa Privacy ai sensi del RE 2016/679