BannerTopDEF2

ATTUALITA' DAL TERRITORIO

Busseto ricorda Mario Sivelli: prima partigiano e poi imprenditore generoso

L’ANPI, sezione di Busse- to, si associa al cordoglio per la scomparsa dell’ing. Mario Sivelli, partigiano “Mario” della 38° Brigata “Bertè” S.A.P. e 62° Brigata “L. Evangelista”. Era mem- bro del Comitato d’Onore dell’ANPI di Parma e dal 2016 Presidente onorario della sezione. Le sue vicende nel corso della Lotta di Liberazione sono raccontate in dettaglio nel volume “Storie: la Resistenza bussetana e i suoi protagonisti”, nel capitolo dal titolo “L’ingegnere”. Nato a Bersano di Besenzone il 15 agosto 1925, Mario, appena diciottenne, insieme a tanti altri giovani aderisce alla Resistenza e partecipa a diverse azioni belliche anche cruente prima nella Bassa piacentina e poi in Val d’Arda, sfuggendo sempre ai rastrellamenti e mostrando a più riprese il suo valore e la sua fede indomita negli ideali di libertà, democrazia e giustizia sociale. Terminata la guerra, consegue la laurea e per molti anni lavora in Italia e all’estero come ingegnere minerario impegnato nella perforazione dei pozzi di petrolio. A metà degli anni Sessanta, conosciuta quella che diventerà sua moglie, si stabilisce a Busseto, cambia lavoro e per 17 anni diventa tecnico nelle linee di fabbricazione alla Vetraria di Fidenza.

Ma i cambiamenti nella vita di Mario non erano finiti. Terminata anche questa attività, s’immerge in un’altra avventura: quella dell’agricoltore; è stato infatti uno dei primi ad avere una raccoglitrice meccanica di pomodori. Per Mario quelli sono stati gli anni più belli della sua vita. In questo modo riesce a garantire un impiego a circa una quarantina di donne di Busseto. Ogni tanto le incontrava per strada e si sentiva dire da loro: “Ingegnere, abbiamo un gran buon ricordo di lei”. “E io di voi”, rispondeva compiaciuto, perché per lui i rapporti umani hanno sempre avuto la precedenza su tutto il resto.

Vogliamo ricordarlo così, insieme alla memoria di tante opere di beneficenza, tenute per lo più nascoste, che Mario, nel nome della cara moglie e col rammarico di non aver mai avuto figli, ha profuso sostenendo l’adozione a distanza di molti bambini poveri del Terzo Mondo.

Adriano Concari, Presidente ANPI di Busseto

Fidenza: le iniziative promosse in occasione del Giorno della Memoria

Il Giorno della memoria è una ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell’Olocausto. È stato così designato dalla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 10 novembre 2005. Si è stabilito di celebrare il Giorno della memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Il Comune di Fidenza quest’anno promuove una serie di iniziative sul tema “Perché la memoria generi futuro”. Della Shoah non si parlerà mai abbastanza: quando poi lo si fa rivolgendosi ai più giovani, coltivando la memoria come se fosse un giardino da non lasciare mai privo di cure, ciò vale ancora di più.

Venerdì 27 gennaio alle ore 20.30 presso il teatro Magnani “Aria della memoria”, il tradizionale concerto con esecuzioni di brani musicali a cura delle scuole secondarie di primo grado del territorio.

Nei giorni 23, 24, 26, 30 e 31 gennaio presso il Centro giovanile di via Mazzini proiezione del film “Anna Frank. Il diario segreto” di Ari Folman.

Infine giovedì 23 febbraio alle ore 18 presso il teatro Magnani, incontro con Attilio Lattes, sopravvissuto ai rastrellamenti del ghetto di Roma.

Inoltre da sabato 21 gennaio a sabato 4 febbraio presso la Biblioteca civica “Leoni” resterà esposta la vetrina tematica dedicata al Giorno della memoria. Per i mesi di gennaio e febbraio saranno possibili visite guidate per le scuole al Museo del Risorgimento “L. Musini”; sabato 4 febbraio alle ore 10.30 visita guidata gratuita per i cittadini con prenotazione obbligatoria al numero 0524.517390.

San Francesco di Sales: i giornalisti emiliano-romagnoli a convegno sul tema "Comunicare e parlare con il cuore"

Venerdì 27 gennaio alle ore 15.00 nell’Aula Magna dell’Istituto “Veritatis Splendor” di Bologna, l’Arcivescovo Card. Matteo Zuppi interverrà al XVIII incontro regionale dei giornalisti su “Comunicare e parlare con il cuore. L’informazione e la deontologia per la cura delle relazioni” promosso in occasione della festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.

Durante l’evento sarà anche presentato il messaggio di Papa Francesco “Parlare col cuore: Veritatem facientes in caritate” (Ef 4,15) per la 57ª Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali. L’incontro sarà introdotto dai saluti istituzionali di Silvestro Ramunno, Presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, Mons. Giovanni Mosciatti, Vescovo di Imola e Delegato per le Comunicazioni sociali Ceer, Mons. Roberto Macciantelli, Presidente della Fondazione “Lercaro”, Matteo Billi, Presidente dell’Ucsi regionale, e don Davide Maloberti, Delegato della Fisc Emilia-Romagna. Insieme all’Arcivescovo interverranno i giornalisti Vincenzo Corrado, Direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali Cei, Silvestro Ramunno, Presidente Ordine dei giornalisti Emilia-Romagna, Gianfranco Brunelli, Direttore de “Il Regno”, Marco Marozzi, giornalista di varie testate, Giovanni Borsa, corrispondente da Bruxelles di “AgenSir Europa”, Alessandro Rondoni, Direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Bologna e della Ceer.

L’incontro, proposto dall’Ufficio Comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Bologna e della Ceer, dall’Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna, in collaborazione con Fisc, Ucsi, Acec e altre realtà, sarà preceduto alle ore 14.15 da una breve visita guidata alla Raccolta “Lercaro”.

«La Chiesa in uscitaafferma il Card. Zuppiincontra tutti e il mondo dell’informazione offre un’importante occasione di ascolto, come si è visto pure durante le limitazioni della pandemia con i numerosi collegamenti per non far restare isolate le persone. Anche il mondo della comunicazione cammina sinodalmente, ascolta e parla con il cuore. Viviamo, infatti, un tempo in cui siamo interconnessi e dobbiamo aprirci ai nuovi linguaggi, inclusi quelli digitali, e non avere paura di informare ascoltando e parlando con il cuore. La Chiesa ha un messaggio da offrire a tutti e ringrazio per l’opera di comunicazione che viene svolta perché è un bene per la comunità e un servizio di carità».

«L’obiettivo di questo incontro regionalespiega Alessandro Rondoniè quello di stimolare nei vari ambiti una rinnovata presenza per comunicare la vita nelle sue molteplici realtà e articolazioni, espressa ogni giorno attraverso fatti, iniziative, racconti, storie e testimonianze che parlano al cuore della gente. L’appuntamento regionale, come un “cantiere di Betania”, continua anche il percorso sinodale svoltosi già a Bologna e nelle varie diocesi con incontri promossi dagli Uffici per le Comunicazioni sociali».

Durante il seminario verranno ricordati i 60 anni del Concilio Vaticano II, il 75° della Costituzione italiana e David Sassoli, giornalista e Presidente del Parlamento Europeo, nel primo anniversario della morte. Sarà, inoltre, presentato il percorso multimediale proposto dall’Ufficio Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Bologna anche attraverso il sito www.chiesadibologna.it, il settimanale “Bologna Sette”, inserto domenicale di Avvenire, la rubrica televisiva “12 Porte”, la Newsletter, l’Ufficio Stampa e altri servizi digitali.

Per informazioni www.chiesadibologna.it

foto: Chiesa di Bologna

"Onore al merito delle donne 2023": il bando di assegnazione

L'Amministrazione comunale di Fidenza, in data 19 gennaio, ha deliberato il bando per l'assegnazione del riconoscimento "Onore al merito delle donne".
Tre gli ambiti: Sociale, Lavorativo e Professionale, Culturale e Sportivo.
Le candidature possono essere presentate da enti, istituzioni, associazioni, privati cittadini.
Le proposte devono pervenire entro il 18 febbraio, alle ore 13 presso l'ufficio Protocollo del Comune o all'indirizzo:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
Finalità:
Creare un'opportunità di valorizzazione e riconoscimento dell'attività e del ruolo delle donne che con il loro impegno sociale e professionale siano riuscite a tracciare un segno significativo nella comunità.
2. Ambiti:
1. Sociale
2. Lavorativo e professionale
3. Culturale e sportivo
3. Criteri:
AMBITO SOCIALE
Capacità di mettersi al servizio degli altri, di essere la voce degli 'altri:
a. nell'associazionismo: 
- Avere prestato servizio in associazioni dedite al volontariato sociale almeno da 5 anni; 
- Avere coordinato, nell'ambito dell'associazione, progetti realizzati in paternariato con altri enti;
b. a livello individuale:
- Costante impegno nel sostenere nelle difficoltà quotidiane il valore della persona nell'ambito familiare e/o educativo e/o sanitario;
AMBITO IAVORATIVO E PROFESSIONALE
Competenze che hanno contribuito a migliorare il nostro contesto economico - sociale:
a. Avere ricoperto un ruolo di riferimento, da almeno 5 anni, in enti pubblici e/o privati, delineando un significativo miglioramento dell'assetto aziendale;
b. Avere sviluppato un'attività imprenditoriale che ha dato luogo a riconoscimenti per l'innovazione e l'attenzione alle persone.
AMBITO CULTURALE E SPORTIVO
Abilità nelle diverse discipline culturali e sportive che hanno diffuso il nome di Fidenza in contesti diversi:
a. Avere dato luogo a prodotti culturali che interpretano significativamente la nostra contemporaneità;
b. Avere ottenuto importanti riconoscimenti nella promozione delle diverse discipline sportive;
4. Candidature, requisiti e proposte:
1. Per gli ambiti sociale, lavorativo e professionale, culturale e sportivo i riconoscimenti saranno 6, così suddivisi: n. 2 per l'ambito sociale (n. 1 per categoria), n. 2 per l'ambito lavorativo e professionale (n. 1 per categoria), n. 2 per l'ambito culturale e sportivo (n. 1 per categoria);
2. Per le suddette categorie ogni proponente potrà indicare al massimo 6 nominativi. In caso di presentazione di un numero di nominativi superiore, verranno presi in considerazione i primi in elenco per ciascuna categoria;
3. Le candidature possono essere presentate da Enti, Istituzioni, Associazioni e Privati cittadini operanti sul territorio del Comune di Fidenza e nei campi oggetto del presente bando;
4. Le candidature devono riguardare 6 donne, che si sono particolarmente distinte in uno degli ambiti e delle categorie indicati, residenti presso il Comune di Fidenza e/o lavoranti nello stesso.
5. Presentazione candidature
Le candidature devono pervenire entro il termine del 18 febbraio 2023 ore 13.00 al protocollo del Comune di Fidenza utilizzando il modulo fac simile di candidatura al premio pubblicato sul sito del Comune, indicante come oggetto "ONORE AL MERITO DELLE DONNE 2023" e indirizzate all'Ufficio Cultura oppure al seguente indirizzo di posta elettronica certificata:
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Le richieste dovranno essere corredate da:
  • modulo di candidatura al premio corredato da breve motivazione del perché alla candidatura, accompagnata dai dati anagrafici della candidata, un suo breve curriculum e da una breve relazione sull'attività svolta;
  • documento firmato dalla candidata che dichiara accettazione candidatura.
6. Valutazione delle candidature
Le candidature negli ambiti sociale, lavorativo-professionale, culturale-sportivo verranno valutate da una commissione formata da:
- Sindaco, 
- Assessore alle Pari Opportunità
- Una persona dell'ambito civile individuata anno per anno dall'Amministrazione comunale
La valutazione verrà effettuata, secondo i criteri sopra esposti, subordinatamente all'analisi del curriculum vitae e delle relazioni sull'attività svolta dalle candidate negli ambiti sopra indicati.
II riconoscimento verrà assegnato a 6 donne;
 
7. Premiazione
"ONORE AL MERITO DELLE DONNE" vuole essere un riconoscimento simbolico al valore dell'operato femminile; il premio per questo consiste nella simbolica consegna di una pergamena da parte del Sindaco durante cerimonia pubblica.
I riconoscimenti verranno consegnati mercoledì 8 marzo 2023 alle ore 17.30.
 
La partecipazione al bando implica l'accettazione di tutte le norme contenute nel presente documento e con la stessa si autorizzano gli organizzatori, ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 13 del GDPR 679/2016 al trattamento dei dati personali, anche con strumenti informatici, che saranno utilizzati unicamente nell'ambito del procedimento relativo al presente bando. Titolare del trattamento dei dati è il Comune di Fidenza. 

La comunità ortodossa fidentina ha celebrato il Natale

La comunità ortodossa fidentina ha celebrato nei giorni scorsi il Natale, che secondo il calendario giuliano cade il 7 gennaio.
Nella chiesa di San Faustino, parrocchia ortodossa della SS. Trinità, gremita di fedeli, padre Serghej Cornea ha celebrato la divina liturgia durante la quale si è pregato per la pace in un clima di profonda devozione.
La funzione si è conclusa con un concerto di canti natalizi eseguito dai bambini della parrocchia, premiati poi con una piccola strenna.
Quest’anno la comunità ortodossa fidentina ha vissuto un altro momento importante: domenica 8 gennaio ha infatti partecipato a Bologna nel monastero di San Luca di Crimea, alla seconda edizione del Festival “I fiori di Dalbe” che ha coinvolto tutte le parrocchie moldave ortodosse italiane. Al significativo evento ha presenziato anche il vescovo ortodosso Ambrosie.
a.o.

Tradotto in lingua inglese il libro di don Guglielmoni su G. B. Scalabrini

La Congregazione dei missionari scalabriniani, dediti alla cura pastorale degli italiani all'estero e degli immigrati nel nostro Paese, ha voluto tradurre in inglese il libro scritto nel 2021 da don Luigi Guglielmoni con il titolo: "Pope Francis & Saint John Baptist Scalabrini. Evangelization and solidarity towards migrants: interventions, initiatives, aspirations".
Il cardinale scalabriniano Silvano Tomasi era venuto da Roma a Busseto per conoscere di persona don Guglielmoni, che ha poi consegnato anche a Papa Francesco il suo libro, molto documentato dal punto di vista teologico, storico e pastorale.

Appena pubblicato, in Australia si e' subito proceduto alla traduzione del libro per facilitarne la lettura nei Paesi di lingua inglese.

Il 9 ottobre scorso monsignor Scalabrini è stato canonizzato, cioè riconosciuto "santo" dalla Chiesa. Ora la pubblicazione facilitera' la conoscenza del Santo, già vescovo di Piacenza fino al 1905.
È certamente motivo di grande soddisfazione per il parroco di Busseto, anche se non è la prima volta che i suoi libri sono stati tradotti in altre lingue.

I presepi nei legni del Po in esposizione, per beneficenza, a Zibello

Rinnovando una semplice ma significativa iniziativa avviata da un paio d’anni, a Zibello è possibile ammirare, per tutto il periodo delle festività natalizie, i presepi negli antichi legni del Grande fiume, realizzati dall’ "Eremita del Po" Paolo Panni.

Sono esposti nel cortile della sua abitazione, nell'immediata periferia del paese, e sono visitabili, con ingresso libero, tutti i giorni.

“Non hanno certo la pretesa di essere opere d’arte – spiega l’Eremita del Po: si tratta di legni che ho raccolto, negli anni, durante le mie camminate lungo le spiagge del fiume, sia sulla riva parmense che su quella cremonese, e ho pensato di dar loro vita ricavandovi semplici presepi. Con la speranza che possano essere apprezzati da coloro che avranno modo di vederli”.

Ma anche con l’obiettivo di fare del bene. Infatti, come è scritto anche nel cartello all’ingresso del cortile, tutti potranno lasciare una libera offerta che sarà destinata all’acquisto di prodotti alimentati, in negozi del territorio comunale. Prodotti che saranno poi consegnati a persone e a famiglie in difficoltà.

Il Rotary Club Salsomaggiore al fianco del centro di solidarietà "Pier Giorgio Frassati"

Sabato 3 dicembre, in occasione del mensile giornata di distribuzione dei pacchi alimentari, il Rotary Club Salsomaggiore – rappresentato per l’occasione dal presidente Sergio Lusardi e dal prefetto Sergio Gatti – ha consegnato a Michele Bonassera, presidente dell’associazione Pier Giorgio Frassati, una donazione. Essa andrà a coprire circa la metà della somma necessaria a ristrutturare il nuovo magazzino del sodalizio. L’amministrazione comunale ha infatti concesso all’associazione l’utilizzo del locale "ex dazio" ubicato in via Gramsci.

“Ringraziamo il Rotary per questa generosa donazione che ci aiuta a sistemare gli spazi che utilizzeremo come magazzini – ha commentato Bonassera - . La nostra associazione si occupa di consegnare a domicilio una volta al mese pacchi alimentari alle persone e alle famiglie in difficoltà. Siamo attivi dal 2004 e siamo una sorta di braccio operativo della colletta alimentare, nati dal desiderio di rendere la solidarietà qualcosa di sistematico e radicato sul territorio. Siamo convenzionati con il Banco Alimentare e con il programma Fead dell’Unione Europea. Oggi siamo circa 50 volontari e assistiamo 100 persone. In tanti arrivano da noi con il passaparola o segnalati dei servizi sociali o dalle parrocchie”.

“L’associazione Frassati svolge un lavoro encomiabile in aiuto di chi ha bisogno. Aiutare chi sul nostro territorio si spende per chi è meno fortunato di noi è il modo migliore per fare Rotary” ha sottolineato Lusardi.

Annarita Cacciamani

I 101 anni di Gino Narseti

Gino Narseti ha tagliato il traguardo dei 101 anni. Nato a Fidenza l’11 dicembre del 1921, Narseti, insignito prima del titolo di cavaliere poi alcuni anni fa del titolo di commendatore, è conosciutissimo in città per il suo impegno civile nell’Associazione nazionale combattenti e reduci. Un impegno che porta avanti tuttora con la stessa grinta di sempre, continuando a partecipare alle cerimonie con l’immancabile fazzoletto tricolore attorno al collo.

A soli diciannove anni era stato chiamato al fronte prima in Jugoslavia poi in Africa infine negli Stati Uniti come prigioniero di guerra.

Rientrato a Fidenza al termine della Seconda guerra mondiale, ha lavorato per anni nelle Poste, ricoprendo anche incarichi dirigenziali. Al lavoro ha affiancato l’amore per la famiglia – per la moglie Franca scomparsa alcuni anni fa, le figlie Carolina e Lorenza, i nipoti e i generi – e l’amore per la patria. Per circa 40 anni, fino al 2019, è stato presidente della locale sezione dell’Ancr, impegnandosi per trasmettere ai giovani i valori che lui ha sempre ritenuto fondamentali, a partire dalla pace e dal senso civico, attraverso numerosi incontri nelle scuole. Tante anche le gite organizzate negli anni, in visita ai luoghi simbolo della nostra storia.

Oggi, a 101 anni, Narseti, circondato dall’amore delle figlie, continua a mantenersi informato sulle vicende di attualità attraverso tv, libri e giornali e a battere a macchina i suoi pensieri e le sue riflessioni. 

 Annarita Cacciamani

Nel cortile del Comune la mostra "Ciak, si gira...è di scena l'amore"

La festa del Natale, anche nella pluralità di etnie della scuola primaria De Amicis, è sempre un momento pieno di iniziative e di significati per i bambini e i docenti della scuola. Quest’anno, in collegamento con il progetto di plesso che aveva come tema la conoscenza del mondo cinematografico, i docenti hanno pensato di allestire una mostra fotografica dal titolo “Ciak, si gira... è di scena l’amore”. I bambini sono stati invitati a immortalare con uno scatto fotografico un momento d’amore. Sotto la regia attenta dei docenti del plesso la mostra, grazie alla collaborazione del Comune di Fidenza che ha messo a disposizione lo spazio, è stata inaugurata il 3 dicembre nel cortile del Comune e resterà aperta fino al 9 gennaio 2023. Il desiderio è che qualsiasi persona, vedendo le fotografie, possa assaporare un momento di gioia e di serenità proprio come hanno fatto i bambini scattandole.

Scuole: le iniziative in occasione del Natale

Di seguito riportiamo alcune iniziative in occasione delle festività natalizie promosse dalle scuole presenti sul nostro territorio.

SCUOLA DE AMICIS

“Ciak si gira... è di scena l’amore”: mostra fotografica allestita sotto i portici del Comune con foto realizzate dagli alunni. Preparazione delle scatoline della solidarietà per mantenere le adozioni a distanza con l’associazione “Mondo nuovo”. Preparazione di biglietti di auguri per i nonnini della casa protetta e del pensionato albergo.

SCUOLA ONGARO

“La Bancarella della Solidarietà 2022”: offerta di piccoli oggetti realizzati dagli alunni. Il ricavato sarà devoluto alla parrocchia di S. Giuseppe Lavoratore per le adozioni a distanza, per sostenere l’associazione “Noi per loro” di Parma, l’Ospedale Oncologico Pediatrico e la Fondazione Bambini e Autismo di Fidenza. Gli oggetti saranno a disposizione a scuola nei giorni 20, 21 e 22 dicembre nei seguenti orari: 8.00-8.30, 12.45-13.15, 16.15- 16.45. Consegna all’Amministrazione comunale di un quadro con gli auguri di Natale per tutta la cittadinanza. Venerdì 23 dicembre concerto bandistico per gli alunni della scuola Ongaro offerto dalla Banda “G. Baroni” di Fidenza.

SCUOLA DON MILANI

“C’era”, l’essenza del Natale (29 novembre - 20 dicembre): racconto animato di Achiropita, un’ape che insegnerà ai bambini a riscoprire i valori del Natale. “Porto a scuola il mio Natale” (30 novembre - 7 dicembre): ogni bambino, con l’aiuto dei genitori, comporrà addobbi di Natale destinati ad abbellire la scuola. Bancarella solidale: “Un’ape per amica” (19 dicembre - 23 dicembre), la scuola adotta un’arnia per aiutare a preservare le api.

SCUOLA LODESANA

Dal 6 al 20 dicembre: Gesto di solidarietà. 15 dicembre: festa dei compleanni dal titolo “A merry merry birthday”. 22 dicembre: cinema per i bambini; pranzo di Natale e dalle ore 16 festa con i genitori. 23 dicembre: Giornata del Dono per le famiglie.

SCUOLA IL SEME

Domenica 18 dicembre a partire dalle ore 15: “In cammino verso la luce”, sacra rappresentazione con i bambini con partenza dalla chiesa di San Michele e arrivo in Cattedrale.

Circo, danza, prosa: il cartellone della stagione teatrale 2022-23 al Magnani

Circo, danza, prosa: il cartellone della stagione teatrale 2022-23 al Magnani si presenta ricco di suggestioni che non mancheranno di emozionare il pubblico dei "fedelissimi" (e non solo).

Dieci rappresentazioni che si sono aperte con uno spettacolo di circo contemporaneo: "Gelsomina Dreams", omaggio dedicato al genio di Federico Fellini con alcune immagini tratte da "La strada" e accompagnate dalle musiche indimenticabili di Nino Rota.

Tre titoli riservati alla danza. Il primo, che andrà in scena mercoledì 21 dicembre, è "Gershwin Suite/Schubert Frames" con la MM Contemporary Dance Company: un dittico composto da grandi autori del panorama musicale, classico e contemporaneo. Nella prima parte, "Schubert Frames", il coreografo Enrico Morelli accompagna con immagini di rara finezza lo svolgimento romantico che contraddistingue l'universo poetico del compositore viennese; nella seconda parte, "Gershwin Suite", la coreografia di Michele Merola evoca le atmosfere degli anni '20 negli USA dove il Jazz e il blues irrompono sulla scena donandoci capolavori come "Rapsodia e il blues" e "Porgy and Bess" . Il secondo titolo, "Notre Dame de Paris" (in programma venerdì 24 febbraio), è un balletto in due atti liberamente ispirato all'omonimo romanzo di Victor Hugo che ha avuto numerose versioni cinematografiche. Racconta le vicende della bella zingara Esmeralda, corteggiata dal capo delle guardie Febo e concupita dal potente arcidiacono Frollo: quest'ultimo, vistosi respinto, la fa condannare a morte ma non ha fatto i conti con il gobbo e deforme Quasimodo, campanaro di Notre Dame, cha la rapisce offrendole ospitalità nella cattedrale di Parigi e respingendo ogni tentativo di portargliela via, anche perché segretamente innamorato di lei. Stephen Delattre , uno tra i più apprezzati coreografi del panorama europeo, rispetta fedelmente il testo originale dove menzogne e inganni del potere fanno di tutto per travolgere passioni e sentimenti umani. Le sue coreografie, sempre coinvolgenti per originalità, si avvalgono anche delle partiture di musicisti famosi (Ravel, Bartok, Musorgskij) che danno un contributo decisivo alla ricchezza dell'allestimento. E veniamo al terzo appuntamento con la danza (giovedì 16 marzo):  "Storie" è una suite danze poetiche firmate per conto di Aterballetto da due coreografi  (Diego Tortelli e Philippe Kratz) che hanno sviluppato da angolature differenti  il tema al centro dell'opera.: la distanza tra desiderio di empatia e abbracci maneschi.

E ora largo alla prosa che debutta con una pièce famosa: è il "Cyrano de Bergerac" di Edmond Rostand (mercoledì 11 gennaio) nell'adattamento di Arturo Cirillo, che cura anche la regia. Il dramma di un uomo che, grazie alla parola, è capace di conquistare il cuore di Roxane ma non può competere con la bellezza di Cristiano, si trasforma in un affascinante inno al teatro grazie anche aqlle rielaborazioni musicali di Edith Piaf e Fiorenzo Carpi. Un altro testo classico, "Il malato immaginario" di Moliere, va in scena giovedì 4 febbraio per la regia di Guglielmo Ferro e l'interpretazione di Emilio Salfrizzi. Scrive Guglielmo Ferro: "Abbiamo puntato sul teatro inteso come strumento per dissimulare la realtà. il malato immaginario ha più paura di vivere che di morire e il suo rifugiarsi nella malattia è in realtà il tentativo di fuggire dalle prove che l'esistenza gli mette davanti". Una poetessa di rara finezza ed eleganza come Mariangela Gualtieri affronta con coraggio la scena (venerdì 3 marzo) per dare voce ai versi di "Quando non morivo" . Segue giovedì 23 marzo "L'attesa" di Remo Binori con Anna Foglietta e Paola Minacciosi; e sempre sull'atesa di chi non si presenterà mai agli all'appuntamento è, incentrato "Vladimiro, estragone e i loro cugini", da Samuel Beckett (venerdì 31 marzo). Conclusione con un'opera che ci riporta alla contemporaneità: è "Il modo" di Johanna Adams, dove si interroga lo spettatore sul bullismo e sul rapporto genitori-figli (venerdì 14 aprile). Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21. 

"Dove abita Dio. Le dimore del divino tra Atene, Roma e Gerusalemme": una conferenza di p. Andrea Dall'Asta sj

Venerdì 9 dicembre alle ore 21 nella Biblioteca di Busseto (in via Roma 38) sara' presentato il libro, appena edito dall' Editrice Ancora, "Dove abita Dio. Le dimore del divino tra Atene, Roma e Gerusalemme". L'iniziativa è promossa dalla Fondazione Cariparma Biblioteca di Busseto in collaborazione con la parrocchia San Bartolomeo.
Sara' presente l'autore, il gesuita padre Andrea Dall'Asta del Centro San Fedele di Milano, che terra' una conferenza sullo spazio sacro secondo un approccio interdisciplinare. Saranno approfonditi i luoghi costruiti dall'uomo per il dio greco nel tempio, per l'invisibile presenza/assenza di YHWH nel Tempio di Gerusalemne e per la presenza del "corpo di Cristo" nella basilica cristiana.

"Aspettando il Natale": concerto nella chiesa di Pontetaro

“ASPETTANDO IL NATALE “
SERATA DI CANTI MODERNI, POPOLARI E NATALIZI SABATO 10 DICEMBRE 2022 ORE 20.45

“Aspettando il Natale” è il titolo dell’ultimo imperdibile concerto dell’anno organizzato dalla parrocchia di Castelguelfo – Pontetaro, in collaborazione con il Circolo Anspi “Il Ponte” ed il Gruppo “Amici di Castelguelfo”, con il patrocinio ed il contributo del Comune di Fontevivo ed il patrocinio del Comune di Noceto.

La serata vede come protagonista l’esibizione di ben tre talentuosissimi cori, molto diversi tra loro: dai giovani coristi del coro “Cor de’ vocali” al coro “Efsa” di taglio internazionale, entrambi diretti dal Maestro Leonardo Morini, per arrivare al raffinato “Coro Sine nomine” diretto dal Maestro Elena Rosselli. I cori si esibiranno in un variegato repertorio con canti moderni e popolari di tutto il mondo, unitamente a musiche e canzoni legate alla tradizione natalizia. Per tutti i partecipanti sarà un intenso e gioioso augurio musicale di prosperità e speranza in occasione dell’approssimarsi delle festività.

Il concerto si terrà SABATO 10 DICEMBRE alle ore 20.45 nella chiesa di Pontetaro, Via Ida Mari 11. L’ingresso è gratuito, con prenotazione fortemente consigliata: whatsapp: 349 4551781 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dialoghi d'Arte: dalla Patagonia alla Groenlandia

DIALOGHI D'ARTE
SABATO 26 NOVEMBRE 2022, ORE 18,00
AUDITORIUM ORSOLINE

Dalla Patagonia alla Groenlandia
Le naturografie di Roberto Ghezzi

L’artista dialogherà con Simone Ponzi, artista e curatore del Fondo Bottarelli.

Roberto Ghezzi, nato a Cortona nel 1978, ha avviato la propria formazione all’interno dello studio di scultura di famiglia e si è perfezionato all’Accademia di Belle Arti di Firenze.
Inizia ad esporre negli anni Novanta e i suoi esordi sono legati alla pittura.
Negli anni matura un disegno concettuale che, muovendo da riflessioni e sperimentazioni sulla natura, a partire dalla pittura, trova espressione in un corpus di lavori inediti, da lui stesso denominati, mediante un neologismo, Naturografie©.
Si tratta di opere che Roberto Ghezzi realizza attraverso la natura, in un dialogo dove Uomo e Ambiente entrano in profonda e originale connessione.
Le Naturografie di Roberto Ghezzi sono creazioni inedite, che nascono da studi e sperimentazioni su luoghi naturali, spesso incontaminati, e il cui nome stesso ha in sé il concetto fondante sia del risultato finale, che del processo.

Banco alimentare: sabato 26 novembre torna la Giornata nazionale della Colletta alimentare

Sabato 26 novembre torna in tutta Italia la Giornata nazionale della Colletta alimentare l’iniziativa, giunta alla sua XXVI edizione, promossa dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus.

In circa 11mila supermercati saranno presenti oltre 140.000 volontari che inviteranno a comprare prodotti a lunga conservazione: verdura in scatola, tonno e carne in scatola, polpa o passata di pomodoro, olio, alimenti per l’infanzia come omogeneizzati o latte in polvere. I volontari indosseranno una pettorina arancione, nuovo colore di riconoscimento presente nel logo Banco Alimentare e che verrà utilizzato anche per i sacchetti forniti per fare la spesa.

Il ricavato della Colletta sarà donato alle persone in difficoltà, aiutate dalle strutture caritative territoriali. Sono sempre di più, infatti, coloro che chiedono aiuto per la spesa o per un pasto rivolgendosi alle circa 7.600 strutture caritative che il Banco Alimentare sostiene in tutta Italia attraverso la rete di 21 organizzazioni territoriali. Dall’inizio dell’anno ad oggi sono state 85.000 in più le richieste ricevute che hanno fatto salire a 1.750.000 le persone aiutate. In questo difficile momento economico e sociale, Banco Alimentare deve far fronte anche ad un aumento del 45% dei costi di gestione tra logistica, trasporti ed energia elettrica e ad un calo del 30% delle donazioni economiche da aziende e privati.

“Siamo preoccupati per la situazione che stiamo vedendo nel nostro Paese con sempre più persone e famiglie che si trovano in povertà assoluta o che rischiano di scivolarci nonostante abbiano un lavoro – afferma Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus –. È fondamentale quindi continuare a sensibilizzare tutti coloro che possono compiere un atto concreto di aiuto. La Colletta Alimentare è un gesto educativo semplice e di carità, che promuoviamo da oltre un quarto di secolo. Partecipare a questa iniziativa significa contrastare l’indifferenza e favorire la condivisione, facendo un gesto concreto a cui tutti siamo invitati. Il gesto di volontariato più partecipato In Italia e la prima esperienza solidale di questo tipo. Ci auguriamo dunque che anche quest’anno la solidarietà sia tanta”.

Nel 2021 grazie alla Colletta Alimentare sono state raccolte 7.000 tonnellate di cibo, l’equivalente di 14 milioni di pasti (1 pasto equivalente corrisponde a un mix di 500 gr di alimenti in base ai Larn, i Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana) per un controvalore economico di oltre 25 milioni di euro.

Dal 26 novembre 2022 la Colletta Alimentare proseguirà anche online. Sarà infatti possibile continuare a donare alimenti su Amazon.it/bancoalimentare, Carrefour.it, Esselungaacasa.it e EasyCoop.com.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.colletta.bancoalimentare.it

A Fidenza al via il progetto "Tutto è bene quel che finisce bene"

PROGETTO “TUTTO È BENE QUEL CHE FINISCE BENE”

DA COMUNE E FONDAZIONE CARIPARMA 123 MILA EURO

PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA' ECONOMICA

 

Un progetto di aiuto alla famiglie, in difficoltà per l'emergenza sanitaria e la successiva crisi energetica, messo in campo grazie alla stretta collaborazione tra Comune di Fidenza, Fondazione Cariparma, Acer Parma, Asp Distretto di Fidenza e Caritas Fidenza.

Grazie ad uno stanziamento di ben 123 mila euro, di cui 33 mila messi dal Comune di Fidenza e 90 mila attraverso un contributo erogato dalla Fondazione Cariparma, “Tutto è bene quel che finisce bene” - questo il nome dell'iniziativa - punta a dare una mano a tutte le famiglie bisognose mettendo a disposizione fino ad un massimo di 1.500 euro per il pagamento dell'affitto e 1.000 euro per il pagamento delle bollette energetiche.

L'iniziativa – spiega l'Assessore alle Politiche Sociali Alessia Frangipane - è finalizzata al sostegno diretto del maggior numero possibile di famiglie residenti nel Comune di Fidenza che si trovino ad essere in lista d'attesa per un contributo o che hanno bisogno di un aiuto per contrastare la forte difficoltà economica. Le famiglie beneficiarie verranno individuate fra quelle in lista d'attesa nelle graduatorie relative alle domande di "contributi affitto" anno 2021 e, nel contempo, Asp Distretto di Fidenza provvederà ad emanare un ulteriore bando, a partire da lunedì 21 novembre, per contributi sulle bollette delle utenze domestiche, così da consentire un allargamento della platea dei beneficiari”.

A Fidenza la rete a difesa delle famiglie si è attivata e si prepara a fronteggiare al meglio le situazioni di emergenza”. Così commenta il Sindaco Andrea Massari, il quale aggiunge: “In questo senso ringrazio la Fondazione Cariparma per questo importante contributo che ci ha permesso di dar vita a un progetto che ci permetterà di erogare fino a 1500 euro per sostegno sugli affitti e fino a 1000 euro per bollette. Ad Asp Distretto di Fidenza, Acer e Caritas va il merito di essersi prontamente messi a disposizione, dimostrando una volta di più la grandissima attenzione che queste realtà hanno nei confronti della nostra Comunità”.

Il sostegno a tale iniziativa - spiega il Presidente Franco Magnani - rientra tra le azioni che Fondazione Cariparma rivolge a situazioni di fragilità economica e sociale, frangenti che le attuali e difficili congiunture stanno ancor più aggravando, trattandosi di un’attenzione alla persona che la Fondazione promuove per una comunità maggiormente inclusiva e accorta nei confronti delle categorie più vulnerabili del nostro territorio”.

Come Asp – aggiunge il Presidente Massimiliano Franzoni - siamo grati a Comune di Fidenza e Fondazione Cariparma per questa progettualità che va ad integrare sulle utenze e sugli affitti il lavoro che quotidianamente il nostro servizio sociale svolge. Per dare una misura dell'impegno, nel 2022 Asp ha investito mediamente 11 mila euro al mese. Dunque sommando il valore complessivo del budget messo a disposizione da “Tutto è bene quel che finisce bene” si arriva ad ottenere un monte considerevole di oltre 250 mila euro investiti sul territorio di Fidenza”.

"In un periodo come quello che stiamo vivendo, caratterizzato dal crescente numero di famiglie in difficoltà, è giusto mettere in campo contributi che allevino il carico economico collegato all'abitazione - è questo il commento del Presidente Acer Bruno Mambriani all'iniziativa "Tutto è bene quel che finisce bene" - Acer ringrazia pertanto sia il Comune di Fidenza che Fondazione Cariparma per questo intervento che mira, appunto, a sostenere le fasce di popolazione più fragili nel segno della solidarietà: come abbiamo avuto modo di constatare, è sempre maggiore la richiesta di aiuti per far fronte ai canoni di locazione, un'attenzione che andrà sicuramente mantenuta anche nei prossimi mesi".

Il premio San Donnino d'Oro a Margherita Rastelli

Domenica pomeriggio nella Chiesa di San Giorgio a Fidenza si è tenuta la 34° edizione del Premio San Donnino d’oro, storico premio destinato a singoli o a gruppi di bambini e ragazzi, in età scolare fino a 18 anni, residenti o attivi nella Diocesi di Fidenza, che si sono distinti per gesti e azioni di solidarietà e di altruismo. Alla presenza delle autorità civili, religiose e militari e di un folto pubblico, quest’anno sono stati premiati Margherita Rastelli, 11 anni, alunna della scuola Media “Zani” e frequentante la Comunità “Fede Luce - Sicomoro” di Fidenza “per la sua particolare attenzione e sensibilità verso le persone più fragili con cui si rapporta con spontaneità e con il sorriso” e la Pluriclasse di catechismo della parrocchia di Santa Maria Assunta di Castione Marchesi con la sua catechista Alice Borreri, “per sensibilità e la capacità spontanea nel dare e nel ricevere che ha portato ad un arricchimento personale e di gruppo”.
Come da tradizione è stato conferito anche un attestato di benemerenza ad un adulto che si è distinto nell’ambito educativo o sociale: quest’anno è stato premiato il maestro Adriano Gainotti  con la seguente motivazione “persona dotata di spiccato senso civico e di grande attaccamento al dovere, ha educato intere generazioni, trasmettendo cultura, amore per le tradizioni e per le nostre radici, lasciandone una testimonianza tangibile anche attraverso una ricca produzione letteraria soprattutto in vernacolo”.
Il maestro Gainotti che per motivi famigliari non ha potuto presenziare alla cerimonia ha inviato un messaggio molto toccante.
La cerimonia di premiazione è stata accompagnata da un concerto de “Les vents du bois” (Francesca Bertolani, Andrea Menna, Alessandra Catelli e Luca Pollastri) che ha presentato un programma accattivante che ha strappato lunghi applausi.

Associazione Arma Aeronautica Fidenza: i 50 anni di vita della sezione

La Sezione di Fidenza dell'associazione Arma Aeronautica è stata fondata nel 1971 per volontà del famoso Asso della II G.M. Medaglia d’Oro al V.M. Cap. Luigi Gorrini, che ne fu indiscusso Presidente fino alla morte, per 43 anni. 
Nell’anno 2017, in occasione del 100° anniversario della nascita di Gorrini, venne realizzato a Fidenza un monumento aereo costituito da un Jet Aermacchi MB.326 concesso dall’Aeronautica Militare e restaurato dagli stessi Soci; l’opera è dedicata a tutti gli aviatori ed il luogo è stato intitolato “Largo degli Aviatori”.
 
Questo il programma della manifestazione:
8 ottobre 2022 – Cattedrale di San Donnino
Ore 9,00 - afflusso e inquadramento rappresentanze con insegne e Labari
Ore 9,15 - ingresso ospiti
Ore 9,30 - Santa Messa celebrata da S.E. il Vescovo di Fidenza, Mons. Ovidio Vezzoli - Benedizione Labari
 
Ore 10,30 - Largo degli Aviatori
schieramento rappresentanze con Gonfaloni, Labari e insegne
Ore 10,40 - cerimonia di Alzabandiera, posa di una corona al monumento agli Aviatori ed alla targa dedicata alla MOVM Luigi Gorini – breve intervento delle autorità – al termine della cerimonia spostamento presso adiacente zona Fiera (ove le condizioni locali lo permetteranno, lo spostamento avverrà in corteo)
Ore 11,00 - Via la Bionda, 2 (Fiera) - inaugurazione stand AAA – interventi e visita guidata riservata ai soli ospiti e rappresentanze partecipanti, esposizione materiale aeronautico, attività multimediali, simulatori di volo e 
attrazioni varie.
Ore 11,30 - apertura al pubblico dello stand AAA, in orario continuativo fino alle ore 19,00
Ore 13,00 – pranzo a buffet riservato agli ospiti e rappresentanze partecipanti, presso adiacente ristorante “Gustincanto”; brindisi augurale nella tradizione aeronautica, dedicato al 50° anniversario della Sezione. (è richiesta prenotazione)
9 ottobre 2022 – Via la Bionda (Fiera)
Ore 9,30 - apertura al pubblico dello stand AAA in orario continuativo fino alle ore 19,00 
Sarà particolarmente gradita la presenza di una rappresentanza delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, di Volontariato e delle Organizzazioni in indirizzo, con Labari ed Insegne.
Sottoscrivi questo feed RSS

NOTA! Questo sito utilizza solo cookies tecnici strettamente necessari al suo funzionamento, NON sono presenti cookies di tracciamento dell'utente

Puoi "Approvare" o leggere le note tecniche di riferimento... Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.
Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.
Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.
Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.
Tipologie di cookies utilizzati
Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.
Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.
Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.
Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.
Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.
Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.
Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie
Prima parte Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata
Cookie persistente


2) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)


3) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)
Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

 

Informativa Privacy ai sensi del RE 2016/679