BannerTopDEF2

S. Antonio Abate: benedizione del sale e degli animali nelle parrocchie della Diocesi

Domenica 17 gennaio al termine delle celebrazioni eucaristiche nelle parrocchie di Busseto, San Rocco, Samboseto e Semoriva, in occasione della ricorrenza di sant’Antonio Abate sarà benedetto il sale secondo l'antica tradizione contadina. I fedeli potranno portare a casa il sale benedetto che, un tempo, veniva consumato dal bestiame per prevenire le malattie e favorirne l’allevamento. Alle porte delle stalle, come ricorda anche il parroco don Luigi Guglielmoni, è sempre stata esposta l’immagine di Sant’Antonio abate, considerato patrono degli animali, tanto da essere raffigurato spesso con accanto un animale con al collo una campanella. La tradizione nasce dalla consuetudine degli Antoniani di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di tali animali veniva usato per ungere coloro che erano afflitti dal cosiddetto <fuoco di Sant’Antonio>.

Sempre in occasione della stessa ricorrenza durante le celebrazioni a Stagno (8.45), Ragazzola (9.45) e Pieveottoville (alle 11), il parroco don Benjamin benedirà il sale e il pane, anche in questo caso nel segno della fede e della tradizione.

Alle 15.30 nella chiesa di Tabiano Bagni la s. Messa sarà celebrata in memoria di S. Antonio Abate con la tradizionale benedizione degli animali.

Durante le celebrazioni di domenica 17 gennaio (ore 8.30 - 10.30 e 18) nella parrocchia di Sant' Antonio a Salsomaggiore verrà benedetto il sale.

Il racconto di don Luigi Guglielmoni sulla sua condizione di malato Covid-19

“Sono un miracolato della medicina e delle preghiere di tanti”.
Inizia così il racconto di don Luigi Guglielmoni, Vicario per la Pastorale della nostra Diocesi e parroco dell’unità di Busseto, Madonna Prati, Roncole Verdi, Samboseto, Semoriva e S. Rocco, circa la sua esperienza di malato Covid-19 ricoverato presso l’ospedale Maggiore di Parma.
Giunto nelle parrocchie della Bassa Parmense dopo essere stato per 20 anni parroco della popolosa comunità di Sant’Antonio a Salsomaggiore Terme, don Luigi aveva da poco iniziato ad occuparsi di numerosi progetti condivisi con mons. Pier Giacomo Bolzoni, aiutante in parrocchia, e con il vicario parrocchiale don Matteo Piazzalunga. Era impreparato ad affrontare una malattia così pericolosa come il Covid-19.
Ricoverato domenica 4 ottobre, il sacerdote ha trascorso i primi giorni all’interno del padiglione “Barbieri” con la febbre sempre molto alta. Successivamente è stato ricoverato nel reparto di rianimazione con la maschera per l’ossigeno. “Sono stati giorni molto pesanti nei quali ho invocato spesso mons. Stefano Bolzoni e i miei cari defunti perché mi venissero a prendere e mi portassero con loro. Non vedevo futuro davanti a me per la difficoltà respiratoria” ha ammesso don Luigi. E’ stato poi condotto nell’ala attrezzata per la rianimazione dei pazienti affetti da Covid e lì attaccato agli ausili sanitari per cercare di far lavorare al meglio i polmoni. Ma anche questa cura si è rivelata inefficace: “Devo ringraziare la professoressa Tiziana Meschi e la dottoressa Laura Malchiodi, che si sono prese molto cura di me”.
Dopo tanti tentativi di cura la dottoressa chiede a don Luigi di poter procedere con una nuova terapia che richiede il coma farmacologico: per 16 giorni egli è stato sedato, intubato, pronato. Di tale esperienza non ricorda assolutamente nulla. Ma anche questa cura sembra all’inizio inefficace: per due settimane il sacerdote fidentino è stato in condizioni gravissime. Con delicatezza i medici avevano già avvisato i familiari, che hanno sofferto più di tutti tale dramma: “Per me il rischio era di passare dal sonno alla morte, senza poter rivedere per un’ultima volta le persone a me più care o dare un saluto alla parrocchia”.
In modo del tutto inaspettato, il sedicesimo giorno il corpo di don Luigi ha reagito: è stato risvegliato e ha iniziato gradualmente a respirare senza più bisogno della maschera di ossigeno. Nel frattempo sono stati tanti i messaggi e le telefonate recapitati al cellulare del sacerdote. Nessuno all’inizio ha ottenuto risposta: ciò ha dato adito a dicerie e a pensieri negativi sul suo stato di salute. Per lungo tempo però il sacerdote non ha potuto rispondere alle chiamate: indossava infatti la maschera per l’ossigeno e poi è stato impossibilitato a parlare in seguito alla tracheotomia subita.
Dopo due mesi di degenza don Luigi è stato trasferito presso la Fondazione “Don Gnocchi” per riequilibrare alcuni valori che il Covid aveva alterato e per seguire la riabilitazione, con la guida competente della fisiatra Beatrice Rizzi e dell’equipe di fisioterapisti.
“Ringrazio il Vescovo, i confratelli e i diaconi, tutte le comunità e le persone che in Diocesi e in varie parti d’Italia hanno pregato per me. Anche altri Vescovi, alcuni Cardinali e il Prefetto della Casa Pontificia più volte si sono interessati alla mia salute. Ho sentito particolarmente vicine le comunità di Busseto e del circondario, come pure la comunità di Sant’Antonio a Salsomaggiore Terme e di San Michele a Fidenza. E’ stata una preghiera incessante, capillare, nelle assemblee liturgiche, nelle famiglie e nei cuori. Sono convinto di essere stato salvato dall’impegno dei sanitari e dalla preghiera di persone praticanti e di tante altre poco abituate a pregare” confessa commosso don Luigi.
“Non mi sarei aspettato un così grande affetto da parte dei bussetani perché in fin dei conti sono stato tra loro molto poco”. La memoria di mons. Stefano Bolzoni, deceduto lo scorso aprile, e l’aggravarsi delle condizioni fisiche del nuovo parroco hanno favorito una partecipazione ampia e sincera. “Mi sento in debito con loro e con tutti e sono desideroso di spendermi ancora più generosamente per il Signore e per il prossimo”.
Don Luigi è stato “ridonato” alla vita oltre ogni speranza umana, come Lazzaro nel Vangelo. “Mi chiedo se forse non ero pronto all’incontro con Dio e avessi bisogno ancora di conversione. L’unica volta che in rianimazione è venuto il cappellano dell’ospedale gli ho chiesto di amministrarmi il sacramento della Santa Unzione. Forse il Signore voleva che io ricevessi ancora del bene da parte degli altri o che facessi ancora del bene a mia volta. Sono domande che spesso mi faccio, nella riconoscenza a Dio e nella ricerca di discernimento”. Don Luigi riconosce anche che: “Ho imparato ad apprezzare il dono della salute fisica, del tempo che non ci appartiene, delle relazioni interpersonali, della fede, della preghiera, del servizio che mi veniva reso nel momento della prova. Ho appreso il senso del limite, la debolezza fisica, l’umiltà, la precarietà delle sicurezze umane, la pazienza, l’accettazione della realtà, la dipendenza dagli altri in tutto, la disponibilità ai cambiamenti della vita, la paura la morte…
Ho pregato come ho potuto, invocando Maria e alcuni Beati e Venerabili a me molto cari: sono certo che, nella mia guarigione, ci sia anche la loro mano benefica. Sono pronto a darne testimonianza scritta in vista della loro canonizzazione”.

Contrariamente al parere di tanti don Luigi ha desiderato tornare subito in parrocchia, senza ulteriore convalescenza altrove. La città e l’unità pastorale di Busseto sono state molto felici del suo ritorno: “E’ stato il più bel regalo di Natale”, si sente mormorare fra il popolo di fedeli. Pur con fatica don Luigi ha presieduto la Messa della vigilia di Natale e ha tenuto una testimonianza di sofferenza e di speranza, che si è conclusa con un grande applauso da parte della platea di fedeli.
Il bisogno prolungato di fisioterapia e la scarsità di resistenza fisica da una parte lo preoccupano e dall’altra lo portano ad affidarsi maggiormente al Signore e a coinvolgere di più i fedeli e i confratelli che lo hanno sostituito egregiamente. A tal proposito il Vicario per la Pastorale tiene a ringraziare don Gianemilio Pedroni per aver amministrato in sua assenza le comunità a lui affidate.
“Quando sono debole, è allora che sono forte”, scrive San Paolo in 2Cor 12,10. Tornare a casa dall’ospedale per il Natale ha avuto il sapore del dono, della nuova nascita, della vita che vince la prova, della ripartenza con la comunità.
Nei reparti in cui è stato ospite don Luigi si è sempre presentato come “sacerdote” (“parroco” dice abitualmente la gente) e come tale è sempre stato rispettato dal personale sanitario e dagli altri convalescenti. Per un lungo periodo non ha potuto dialogare con nessuno, ma ha imparato a parlare con gli occhi, col sorriso, con il dolore, con le lacrime, con la speranza.
Dall’esperienza della malattia oltre agli aspetti personali sono emersi anche alcune dimensioni pastorali. Dopo tanto tempo in un letto d’ospedale “ho preso meglio coscienza della presenza dei malati all’interno delle famiglie, delle strutture sanitarie, della comunità parrocchiale. Spesso si tende purtroppo a dimenticarsi dei malati, perché occupati in tante attività apparentemente più urgenti. Mi sono chiesto tante volte se forse non vada ripensato il modo di andare a far visita ai degenti: non occorrono frasi scontate, ma silenzio e condivisione con coloro che soffrono e con quanti si prendono cura di loro. Ha ragione Papa Francesco quando richiama la ‘grammatica della cura’ dell’altro” sottolinea don Luigi.
Nella solitudine e nella fatica la sofferenza è una grande scuola: si impara dalla malattia molto di ciò che la vita non sarebbe stata in grado di insegnare in nessun altro modo. “Condivido quanto diceva don Primo Mazzolari: ‘Chi soffre di più, guadagna di più’, perché impara ad amare di più e a vivere nella verità. Il dolore infatti abbatte ogni illusione di onnipotenza, trasforma i padroni in mendicanti, fa riscoprire la bellezza di essere amati, apre a Dio. Questa dura esperienza mi ha certamente segnato e cambiato in meglio. Il soffrire passa, l’aver sofferto resta. Dal buio può nascere una nuova aurora. E’ quanto mi auguro e chiedo al Signore, nella gratitudine a quanti (e sono davvero molti) mi sono stati vicini” conclude.

115823634 10220506342002051 2545429411976222049 o

 

90db0d96 cd36 4072 afe8 9e06af8c48d2

(Testi di don Luigi Guglielmoni - Elaborazione a cura della redazione)

Corsi per fidanzati in preparazione al matrimonio - Vicariato di Fidenza

Sono state definite le date e le parrocchie del Vicariato di Fidenza che ospiteranno i corsi per fidanzati in preparazione al matrimonio. Il primo ciclo di appuntamenti avrà luogo ogni domenica alle ore 18 presso la parrocchia di San Michele con la guida del parroco don Marek insieme a Chiara e Fabrizio Ferri. Di seguito i giorni degli incontri: il 24 e il 31 gennaio; il 7, il 14, il 21 e il 28 febbraio; il 7, il 14 e il 21 marzo. Il secondo ciclo di appuntamenti avrà invece luogo ogni domenica alle ore 15.30 presso la parrocchia di San Francesco d’Assisi con la guida di p. Stefano insieme a Luca e Alessandra Malavolta e a Assunta e Stefano Relitti. Di seguito i giorni degli incontri: il 17, il 24 e il 31 ottobre; il 7, il 14, il 21 e il 28 novembre; il 5 e il 12 dicembre. Per partecipare agli incontri è opportuna la prenotazione telefonando al parroco di riferimento oppure ai testimoni: Chiara e Fabrizio Ferri (329.4130656); Assunta e Stefano Relitti (335.7444814).

A Chiusa Ferranda la benedizione del sale in memoria di S. Antonio Abate

S. Antonio Abate nacque in Egitto, a Coma, una località sulla riva sinistra del Nilo, intorno all'anno 250. Fu un eremita tra i più rigorosi nella storia del Cristianesimo antico. Antonio, di cui conosciamo la vita grazie alla biografia scritta dal suo discepolo Atanasio, fu un insigne padre del monachesimo orientale.

Malgrado appartenesse ad una famiglia piuttosto agiata, mostrò sin da giovane poco interesse per le lusinghe e per il lusso della vita mondana: alle feste ed ai banchetti infatti preferiva il lavoro e la meditazione e alla morte dei genitori distribuì tutti i suoi beni ai poveri, si ritirò nel deserto e li cominciò la sua vita di penitente.

Compiuta la sua scelta di vivere come eremita, trascorse molti anni vivendo in un'antica tomba scavata nella roccia, lottando contro le tentazioni del demonio, che molto spesso gli appariva per mostrargli quello che avrebbe potuto fare se foste rimasto nel mondo. A volte il diavolo si mostrava sotto forma di bestia feroce - soprattutto di maiale - allo scopo di spaventarlo; ma a queste provocazioni Antonio rispondeva con digiuni e penitenze, riuscendo sempre a trionfare.

La sua fama di anacoreta (eremita) si diffuse ben presto presso i fedeli, e Antonio, che voleva vivere assolutamente distaccato dal resto del mondo, fu costretto più volte a spostarsi.

Intorno al 311 si recò ad Alessandria per prestare aiuto e conforto ai cristiani perseguitati dall'imperatore Massimiliano; poi si ritirò sul monte Qolzoum, sul mar Rosso, ma dovette tornare ad Alessandria poco tempo dopo per combattere l'eresia ariana, sempre più diffusa nelle zone orientali dell'impero.

Malgrado conducesse una vita dura e piena di privazioni, Antonio fu molto longevo: la morte lo colse infatti all'età di 105 anni, il 17 Gennaio del 355, nel suo eremo sul monte Qolzoum.
Sulla sua tomba, subito oggetto di venerazione da parte dei fedeli, furono edificati una chiesa e un monastero; le sue reliquie nel 635 furono portate a Costantinopoli, e poi sembra che siano state portate in Francia tra il sec IX e il X dove oggi si venerano nella chiesa di Saint Julian, ad Arles.

In Francia, in quel periodo, sorse l'ordine degli "Antoniani" approvato successivamente da papa Urbano II.

La devozione popolare

I riti che si compiono ogni anno in occasione della festa di S. Antonio sono antichissimi e legati strettamente alla vita contadina e fanno di Antonio Abate un vero e proprio "santo" del popolo.
Egli è considerato il protettore contro le epidemie di certe malattie, sia dell'uomo, sia degli animali. E' stato invocato come protettore del bestiame e la sua effigie era collocata sulla porta delle stalle. Il Santo è invocato anche per scongiurare gli incendi, e non a caso il suo nome è legato ad una forma di herpes nota come "fuoco di Sant'Antonio" o "fuoco sacro". Antonio è anche considerato il patrono del fuoco: secondo alcuni riti attorno alla sua figura testimoniano un forte legame con le culture precristiane, soprattutto quella celtica. E' nota infatti l'importanza che rivestiva presso i celti il rituale legato al fuoco come elemento beneaugurante. Nel giorno della sua memoria liturgica, si benedicono le stalle e si portano a benedire gli animali domestici. In alcuni paesi di origine celtica, sant’Antonio assunse le funzioni della divinità della rinascita e della luce, Lug, il garante di nuova vita, a cui erano consacrati cinghiali e maialii. Perciò, in varie opere d’arte, ai suoi piedi c’è un cinghiale.
Patrono di tutti gli addetti alla lavorazione del maiale, vivo o macellato, è anche il patrono di quanti lavorano con il fuoco, come i pompieri, perché guariva da quel fuoco metaforico che era l’herpes zoster.
Ancora oggi il 17 gennaio, specie nei paesi agricoli e nelle cascine, si usano accendere i cosiddetti “focarazzi” o “ceppi” o “falò di sant’Antonio”, che avevano una funzione purificatrice e fecondatrice, come tutti i fuochi che segnavano il passaggio dall’inverno alla imminente primavera. Le ceneri, poi raccolte nei bracieri casalinghi di una volta, servivano a riscaldare la casa e, tramite un’apposita campana fatta con listelli di legno, per asciugare i panni umidi.

Nella chiesa di Chiusa Ferranda domenica 17 gennaio alle ore 10 verrà celebrata la S. Messa guidata dal diacono Massimo, durante la quale verrà benedetto il sale. I fedeli sono invitati a portare con sè un vasetto o un piccolo contenitore per riporre il sale benedetto e portarlo con sè a casa: esso potrà essere utilizzato per insaporire il cibo anche degli animali.

Vaio, elaborata un'indagine online sul benessere psicologico al tempo dell'emergenza sanitaria

Un'indagine online sviluppata dall'Unità Operativa complessa di Psicologia clinica e di comunità dell'ospedale di Vaio. Ha come obiettivo il benessere psicologico dei cittadini nel tempo dell'emergenza sanitaria. Si tratta di un questionario gratuito disponibile online fino al 7 febbraio.

Dopo mesi di lavoro preparatorio è stata presentata nei giorni scorsi in conferenza stampa l’indagine 100% made in Vaio per conoscere il benessere psicologico dei cittadini alle prese con l’emergenza sanitaria. E' infatti possibile accedere, attraverso il sito del Comune di Fidenza, ai questionari nati dalla collaborazione tra l’Unità Operativa Complessa di Psicologia Clinica e di Comunità dell’Ausl di Parma presso l’Ospedale di Vaio e il Comune di Fidenza.

La ricerca, inedita a livello europeo, è stata progettata e sviluppata all’interno del nostro Ospedale cittadino, a cura dell’Unità Operativa Complessa di Psicologia Clinica e di Comunità. “Si tratta dell'Unità che nel corso dell’emergenza – ha llustrato Barbara Bruni, psicologa e psicoterapeuta di Vaio, ripercorrendo le tappe dell’emergenza - ha effettuato oltre 4.000 prestazioni su tutta la popolazione (pazienti, familiari, operatori sanitari e cittadini) e che oggi offre a tutta la comunità di Fidenza una indagine esplorativa che indaga la percezione, le opinioni e i vissuti dei cittadini rispetto alla salute psicologica, al benessere emotivo-relazionale e socio-economico, alla qualità della vita in tempo di emergenza, ai rischi ad essa associati nonché quali aspettative la comunità dei cittadini ripone nel futuro a medio e lungo termine”.

“A Fidenza l'esperienza straordinaria della difesa messa in atto per proteggere il nostro territorio – ha spiegato il sindaco di Fidenza Andrea Massari - ci ha consegnato un patrimonio enorme, fatto di istituzioni, volontariato e singoli cittadini che nel momento del bisogno hanno saputo attivarsi e lavorare fianco a fianco per il bene di tutti. Superato quello che ad oggi è stato il momento più difficile per il nostro territorio occorre ora dotarsi di strumenti che ci consentano una lettura scientifica non soltanto di quanto è avvenuto ma di cosa sarà da qui in avanti la nostra comunità”.

Massimo Fabi, Direttore generale Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, ha spiegato che “appena mi è stato illustrato ho colto che questo era un progetto che guardava lontano con l'obiettivo di offrire strumenti utili a programmare e a governare. Quanto abbiamo vissuto in questi mesi ha chiarito definitivamente che situazioni complesse come queste si possono governare - e il contrasto a queste si può programmare - soltanto a partire da una conoscenza approfondita di tutti gli effetti di questa pandemia; proprio ciò che questa indagine intende esplorare con metodo e rigore”.

Per Anna Maria Petrini, commissario straordinario azienda Usl di Parma, “Non è sempre così scontato, soprattutto in un periodo di emergenza, sapersi fermare per raccogliere elementi utili e quindi analizzare il vissuto delle persone. Questa è la grande opportunità offerta da un progetto di ricerca, e lo è ancor di più di fronte ad eventi così tragici e travolgenti come l'emergenza pandemica. Penso che la pandemia da un lato abbia generato in tutti noi un'enorme paura e dall'altro abbia fatto emergere l'energia che ciascuno ha trovato soprattutto dentro di sè. Per reagire ognuno di noi ha espresso un forte bisogno di reti, di solidarietà, di socialità. Riflettere e analizzare tutto questo è utilissimo perché rafforza le risposte e il senso di comunità a beneficio di tutti”.

COME PARTECIPARE ALL’INDAGINE
L’indagine sarà anomina e online: essa prevede la compilazione di domande con risposte a scelta multipla attraverso la piattaforma Survey Monkey, suddivise per età e profili professionali. I cittadini potranno rispondere alle domande del primo e fondamentale questionario, legato al mondo degli “Adulti”. Completato questo step, saranno a disposizione altri 13 questionari opzionali e molto rapidi, divisi per categorie sociali e professionali.

CHI PUÒ PARTECIPARE
Potranno partecipare tutti i cittadini che lo vorranno fare. L’indagine è primariamente rivolta a chi risiede a Fidenza, ma permette di organizzare i dati in base alle province e regioni che verranno indicate dagli utenti. “Chi parteciperà all’indagine - racconta Daniele Rovaris, psicologo e psicoterapeuta in servizio a Vaio - potrà avere un codice personale che permetterà di uscire dall’anonimato e richiedere il supporto dell’UOC di Psicologia Clinica e di Comunità, qualora ritenesse di avere bisogno di aiuto o anche solo di un orientamento per gestire situazioni di malessere, stress o comunque di difficoltà”.

Anahi Alzapiedi, Direttore Uoc Psicologia Clinica e di Comunità Azienda Usl di Parma, aggiunge che “Quando saremo fuori dall'emergenza Covid saremo diversi e in qualche modo nulla sarà come prima. Questa indagine apre una finestra su quel futuro, che speriamo sia quanto più possibile prossimo, andando a guardare da vicino che impatto ha avuto la pandemia e in che modo le persone hanno trovato le forze per reagire e lottare”.

QUANDO SARÀ ONLINE L’INDAGINE
L’indagine è online dalle ore 16.00 del 7 gennaio 2021 e vi rimarrà per un mese, fino al 7 febbraio 2021. Il link per accedere al primo questionario si può trovare nell'home page del Comune di Fidenza all'indirizzo https://www.comune.fidenza.pr.it/indagine-vaio/

L'assessore alle Politiche Sociali Alessia Frangipane ha ricordato come “La scintilla da cui è nata questa iniziativa è stato il momento della riconsegna degli oggetti personali alle famiglie. Lì abbiamo toccato con mano il dolore indicibile di questa emergenza e a quel punto è nata la voglia di realizzare questo progetto che è stato sperimentale per tutti noi. Chiedo alle persone, alle famiglie, ai ragazzi, ai volontari di compilare il questionario: è anonimo, è gratuito, veloce e si tratta assolutamente di tempo speso bene per sé stessi e per la propria comunità”.

Qualora si desideri avere maggiori informazioni sulla natura del progetto, le sue finalità e la sua conduzione, è a disposizione un info point dell’Uoc di Psicologia Clinica e di Comunità ai numeri: 3396860219 / 0524515280 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

I ministeri del Lettorato e dell'Accolitato aperti anche alle donne

Papa Francesco cambia il Codice di Diritto canonico rendendo istituzionale quanto già avviene per prassi: l’accesso delle donne laiche al servizio della Parola e dell’altare.

La scelta del Pontefice è stata spiegata in una lettera rivolta al cardinale Francisco F. Ladaria, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede.

“Offrire ai laici di entrambi i sessi la possibilità di accedere al ministero dell’Accolitato e del Lettorato, in virtù della loro partecipazione al sacerdozio battesimale, incrementerà il riconoscimento, anche attraverso un atto liturgico (istituzione), del contributo prezioso che da tempo moltissimi laici, anche donne, offrono alla vita e alla missione della Chiesa”. È quanto spiega il Papa circa l’accesso delle donne al ministero del lettorato e dell’accolitato.
“Per tali motivi – precisa Papa Francesco a proposito del Motu Proprio diffuso lunedì 11 gennaio – ho ritenuto opportuno stabilire che possano essere istituti come Lettori o Accoliti non solo uomini ma anche donne, nei quali e nelle quali, attraverso il discernimento dei pastori e dopo una adeguata preparazione, la Chiesa riconosce la ferma volontà di servire fedelmente Dio e il popolo cristiano”, come è anche scritto nel Motu Proprio Ministeria quaedam di Paolo VI, in forza del sacramento del Battesimo e della Confermazione. “La scelta di conferire anche alle donne questi uffici, che comportano una stabilità, un riconoscimento pubblico e il mandato da parte del vescovo, rende più effettiva nella Chiesa la partecipazione di tutti all’opera dell’evangelizzazione”, osserva il Papa, secondo il quale “questo fa anche sì che le donne abbiano un’incidenza reale ed effettiva nell’organizzazione, nelle decisioni più importanti e nella guida delle comunità ma senza smettere di farlo con lo stile proprio della loro impronta femminile”.

“Nell’orizzonte di rinnovamento tracciato dal Concilio Vaticano II, si sente sempre più l’urgenza oggi di riscoprire la corresponsabilità di tutti i battezzati nella Chiesa, e in particolar modo la missione del laicato”, il presupposto del Motu Proprio, che dà voce all’istanza di pensare a “nuovi cammini per la ministerialità ecclesiale” emersa durante il Sinodo per l’Amazzonia, svoltosi dal 6 al 27 ottobre 2019. “Non solo per la Chiesa amazzonica, bensì per tutta la Chiesa, nella varietà delle situazioni, è urgente che si promuovano e si conferiscano ministeri a uomini e donne”, ribadisce Francesco, affermando che con l’ingresso delle donne al lettorato e all’accolitato, “oltre a rispondere a quanto è chiesto per la missione nel tempo presente e ad accogliere la testimonianza data da moltissime donne che hanno curato e curano il servizio alla Parola e all’Altare, apparirà con maggiore evidenza – anche per coloro che si orientano al ministero ordinato – che i ministeri del Lettorato e dell’Accolitato si radicano nel sacramento del Battesimo e della Confermazione”. Anche i futuri sacerdoti, in questo modo, “comprenderanno meglio di essere partecipi di una ministerialità condivisa con altri battezzati, uomini e donne”.

Sarà compito delle Conferenze Episcopali stabilire adeguati criteri per il discernimento e la preparazione dei candidati e delle candidate ai ministeri del Lettorato o dell’Accolitato, “o di altri ministeri che riterranno istituire”, dispone il Papa, “previa approvazione della Santa Sede e secondo le necessità dell’evangelizzazione nel loro territorio”.

Riprendono gli incontri della Scuola diocesana di formazione

Riprendono dopo la pausa natalizia gli incontri online della Scuola diocesana di formazione.

Avranno luogo tramite collegamento alla piattaforma Webex Meetings e non più in presenza presso il seminario vescovile come di consueto. Questa necessità è stata dettata dall’esigenza di tutelare sia i relatori che gli iscritti agli incontri, data la ancora delicata situazione sanitaria.

Di seguito il programma degli incontri, che avranno tutti inizio alle ore 20.30. La partecipazione è gratuita e senza necessità di prenotazione.

 
7) Lunedì 11 gennaio: San Vincenzo de’ Paoli: predicazione, formazione del clero e promozione umana, a cura di p. Nicola Albanesi, superiore del Collegio Alberoni di Piacenza;
8) Lunedì 18 gennaio: Sant’Alfonso Maria de’ Liguori e le missioni popolari, a cura di p. Luigi Nuovo del Collegio Alberoni di Piacenza;
9) Lunedì 25 gennaio: Giovanna Francesca Frémiot de Chantal fondatrice, con San Francesco di Sales, dell’Ordine della Visitazione, a cura di don Gianni Ghiglione;
10) Lunedì 1 febbraio: San Paisij Velichovskij a cura del carmelitano p. Aldino Cazzago dell’Istituto teologico di Padova;
11) Lunedì 8 febbraio: La Chiesa ortodossa russa: storia, spiritualità e teologia nei secoli XVI-XVIII, a cura di frà Adalberto Mainardi della Comunità di Bose;
12) Lunedì’ 15 febbraio: San Serafino di Sarov, maestro spirituale della Chiesa ortodossa russa a cura di don Diego Facchetti dell’Istituto teologico di Brescia.

Come fare per partecipare agli incontri?

Di seguito il link al quale collegarsi poco prima dell'inizio (fissato per le ore 20.30).

https://architetto-eiw.my.webex.com/architetto-eiw.my-it/j.php?MTID=mc10170e84d749db963fb872bc3468ff4

Sabato 9 gennaio in Cattedrale l'ordinazione diaconale di Davide Grossi

Sabato 12 dicembre scorso durante la s. Messa vespertina presso la chiesa Collegiata di Pieveottoville il giovane seminarista Davide Grossi ha pronunciato la professione di fede insieme al solenne giuramento sulla Sacra Scrittura prima dell’ordinazione diaconale che avrà luogo sabato 9 gennaio 2021 alle ore 18 nella Cattedrale di Fidenza per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria del Vescovo Ovidio. Durante il giuramento, che è consuetudine fare prima di ogni importante passo del proprio ministero, Davide ha rinnovato la sua fedeltà alla Chiesa, ai successori di Pietro e a tutti i suoi collaboratori. Alla celebrazione eucaristica, presieduta dal Vicario generale don Gianemilio Pedroni, hanno preso parte il parroco di Pieveottoville don Benjamin Ayena, il parroco di Polesine-Zibello don Gianni Regolani e il diacono Carlo Moracca.

Davide, 27 anni, originario della parrocchia di Santa Maria Assunta a Salsomaggiore Terme, dopo aver studiato Economia presso l’Università di Parma nel 2016 è entrato nel Collegio Alberoni di Piacenza dove sta frequentando il quinto anno di Teologia. Il 1° settembre del 2018 ha ricevuto l’ammissione agli Ordini Sacri in Cattedrale a Fidenza, mentre il 27 aprile del 2019 il ministero del Lettorato nella parrocchia dove è cresciuto. Nel pomeriggio di sabato 4 luglio scorso il vescovo Ovidio gli ha conferito il ministero dell’Accolitato presso la chiesa parrocchiale di Croce S. Spirito dove stava terminando il servizio pastorale nei fine settimana. La parola “accolito” deriva dal greco e significa “colui che accompagna” e dunque assiste il diacono e il presbitero all’altare. Come ministro straordinario inoltre Davide può distribuire l’Eucarestia ai fedeli, esporla nell’adorazione e portarla ai malati nelle loro case facendosi così strumento dell’amore di Cristo e della Chiesa nei loro confronti.

In vista dell’importante e significativo passo del diaconato abbiamo chiesto a don Benjamin, parroco dell’unità pastorale presso la quale Davide sta attualmente svolgendo servizio pastorale durante i fine settimana, come la comunità ha accolto il giovane. “I miei più sinceri ringraziamenti sono rivolti al Vescovo Ovidio per aver scelto l’unità pastorale come destinazione del prezioso servizio del giovane Davide, che è stato accolto con grande gioia. La comunità è sempre in preghiera con e per lui nel cammino verso il sacerdozio. Davide segue con attenzione il percorso di catechesi dei ragazzi cresimandi e anche il gruppo di quinta elementare e prima media. Nelle altre classi, sollecitato dai catechisti, ha fatto testimonianza della propria vocazione. Durante le celebrazioni esercita il ministero di lettore e di accolito. Lo ringraziamo per la sua disponibilità e per la sua presenza discreta ma concreta. L’augurio che gli rivolgo è che il suo percorso possa portare tanti frutti nella nostra diocesi, santità nelle famiglie e vocazioni per la Chiesa fidentina”.

Sarà possibile seguire l'ordinazione diaconale di Davide in diretta streaming a questo link: https://www.youtube.com/channel/UCXWnmb0TLVspz0PFxl_GeKA/featured

 

Natale 2020: sussidio per famiglie

Il Direttore dell’Ufficio famiglia diocesano, don Marek Jaszczak, desidera condividere un piccolo sussidio che può aiutare a vivere più intensamente il Natale nelle famiglie.

E' possibile scaricare il sussidio qui.

 
 
Sottoscrivi questo feed RSS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.
Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.
Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.
Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.
Tipologie di cookies utilizzati
Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.
Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.
Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.
Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.
Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.
Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.
Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie
Prima parte Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata
Cookie persistente


2) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)


3) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)
Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.