BannerTopDEF2

"Ricominciare dalla verità" - Il messaggio del Vescovo Ovidio per la Quaresima

Messaggio per la Quaresima 2021

“Ricominciare dalla verità”

Qualche tempo fa fr. Luciano Manicardi, priore di Bose, ha scritto un lucido contributo dedicato all’utilizzo della parola, quale modo di esprimersi degli umani (Verso un’etica della parola, Qiqajon, Magnano [BI] 2015). Tra l’altro annota:

«In una situazione in cui la parola è compromessa, la verità è beffeggiata, la manipolazione delle parole che mira a manipolare le coscienze e ad ottenere potere su di esse, l’uomo di parola, colui che è veridico, che osa una parola limpida, rigorosa e si dispone a pagarne il prezzo, si troverà emarginato» (ivi, p. 18).

Il momento più decisivo in cui la parola è svuotata di senso è raggiunto con la menzogna declinata nelle sue molteplici forme proprie del mentire: la verità è nascosta, il significato degli eventi è profondamente e volutamente distorto, fatti mai accaduti vengono presentati e narrati come veri. La menzogna ribadita e ripetuta diventa agli orecchi degli stolti e incapaci di ogni discernimento sapiente, una verità conclamata. «Come un pazzo che scaglia tizzoni e frecce di morte, così è colui che inganna il suo prossimo e poi dice: ‘Ma si è trattato solo di uno scherzo’» (Pr 26,28-29).

Una vera etica della parola umana esige alcune condizioni: il rigore della verità, che implica a sua volta, sincerità e franchezza, senza disattendere il rispetto e il riconoscimento della persona, senza demonizzare l’altro come il nemico da combattere e da eliminare, senza soffocarlo con insulti incontrollati, senza banalizzare i fatti né ritrattare la parola detta gettando sull’altro la responsabilità del fraintendimento, senza trasformare l’altro in un recipiente nel quale riversare tutta la nostra frustrazione diventata veleno mortale. «Unica sia la tua parola. Sii pronto nell’ascoltare, lento nel proferire una risposta. Se conosci una cosa, rispondi al tuo prossimo; altrimenti mettiti la mano sulla bocca» (Sir 5,10-12). Un’etica della parola, dunque, domanda il rispetto dell’altro al quale si parla; esige attenzione alla parola che viene pronunciata e custodia di se stessi, in quanto colui che parla narra sempre del profondo di sé. Il menzognero non conosce quest’etica né questo rispetto; queste realtà non gli sono famigliari, non fanno parte del suo patrimonio di vita perché solo il rancore e la rivendicazione incontrollati lo abitano. «Non contraddire alla verità, ma vergognati della tua ignoranza» (Sir 4,25). L’apostolo Paolo, da parte sua, precisa: «Questi tali sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo. Ciò non fa meraviglia, perché anche satana si maschera da angelo di luce» (2Cor 11,13-14).

Al riguardo, Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2021 rivolto alle comunità cristiane in cammino verso la Pasqua del Signore sottolinea:

«In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa, prima di tutto, lasciarci raggiungere dalla Parola di Dio, che ci viene trasmessa, di generazione in generazione, dalla Chiesa. Questa Verità non è una costruzione dell’intelletto, riservata a poche menti elette, superiori o distinte, ma è un messaggio che riceviamo e possiamo comprendere grazie all’intelligenza del cuore, aperto alla grandezza di Dio che ci ama prima che noi stessi ne prendiamo coscienza. Questa Verità è Cristo stesso, che assumendo fino in fondo la nostra umanità si è fatto Via, esigente ma aperta a tutti, che conduce alla pienezza della Vita».

In riferimento al digiuno, quale prassi che accompagna il cammino quaresimale della Chiesa, secondo un’antica tradizione, sempre Papa Francesco sottolinea:

«Digiunare vuol dire liberare la nostra esistenza da quanto la ingombra, anche dalla saturazione di informazioni, vere o false, e prodotti di consumo, per aprire le porte del nostro cuore a Colui che viene a noi povero di tutto, ma “pieno di grazia e di verità” (Gv 1,14), il Figlio del Dio Salvatore».

La dimensione della verità è ripetutamente sottolineata da Papa Francesco anche nella sua Lettera enciclica Fratelli tutti (3 ottobre 2020):

 «In effetti, «la verità è una compagna inseparabile della giustizia e della misericordia. Tutt’e tre unite, sono essenziali per costruire la pace e, d’altra parte, ciascuna di esse impedisce che le altre siano alterate […]. La verità non deve, di fatto, condurre alla vendetta, ma piuttosto alla riconciliazione e al perdono. Verità è raccontare alle famiglie distrutte dal dolore quello che è successo ai loro parenti scomparsi. Verità è confessare che cosa è successo ai minori reclutati dagli operatori di violenza. Verità è riconoscere il dolore delle donne vittime di violenza e di abusi […]. Ogni violenza commessa contro un essere umano è una ferita nella carne dell’umanità; ogni morte violenta ci “diminuisce” come persone […]. La violenza genera violenza, l’odio genera altro odio, e la morte altra morte. Dobbiamo spezzare questa catena che appare ineluttabile» […]. Infatti, “l’altro non va mai rinchiuso in ciò che ha potuto dire o fare, ma va considerato per la promessa che porta in sé”, promessa che lascia sempre uno spiraglio di speranza» (nn. 227-228).

Quale cammino, pertanto, sta davanti a noi all’inizio del tempo santo della Quaresima? Quali atteggiamenti sono richiesti ai discepoli del Signore? Con quale spirito interiore ci disponiamo ad intraprendere il cammino quaresimale? L’apostolo Paolo ce lo rammenta senza raggiri di parole vuote: «Lasciatevi riconciliare con Dio» (2Cor 5,20). Questa è la speranza nella riconciliazione, che è luogo di perdono, di pace, di comunione, di incontro nella nobile e ricca differenza che ci caratterizza, di sguardo rinnovato su Dio, su se stessi e sull’altro. «C’è qualcuno che desideri la vita e vuole giorni per gustare il bene? Preservi la sua lingua dal male, le sue labbra da parole di menzogna, stia lontano dal male e faccia il bene, ricerchi e persegua la pace» (Sal 34,13-15).

È necessario ricominciare da qui, ossia dall’Evangelo che è la verità e la buona notizia di Dio per tutti, ben oltre le rivendicazioni miopi e grette, i torti subiti e fatti o le ragioni accampate come giustificazione di sé. Ricominciare dall’Evangelo, Gesù Cristo che è la verità di Dio, significa operare per la riconciliazione, per l’edificazione del suo corpo vivente che è la Chiesa. Ricominciare dall’Evangelo, verità della Parola unica detta da Dio e rivolta ad una umanità ferita, disorientata e stanca, significa ritrovare motivi ben fondati per camminare insieme riconoscendoci fratelli e sorelle nell’unico Padre; egli guarda ai suoi figli con misericordia e compassione, ben oltre attese mondane fatte di ricatti e di risarcimenti.

Solo allora, le nostre parole non saranno vuote, né scontate, né offensive, né violente, né lesive della dignità dell’altro. Abitate dalla verità dell’Evangelo, le nostre parole saranno luogo di incontro e di comunione, di scambio fraterno e di racconto della verità di chi noi siamo, ma mai senza l’altro. Abitata dal perdono, mai disgiunto dalla giustizia e dalla misericordia, la nostra parola sarà edificazione efficace, distanza annullata con l’altro, possibilità di incontro nel quale ci è dato di riconoscerci “tutti fratelli”.

Buon cammino di conversione e di riconciliazione verso la pasqua del Signore, parola eterna di Dio in cui abita la pienezza della verità, che ci rende liberi.

+ Ovidio Vezzoli

vescovo di Fidenza

Ultima modifica ilVenerdì, 12 Febbraio 2021 12:00

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.
Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.
Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.
Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.
Tipologie di cookies utilizzati
Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.
Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.
Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.
Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.
Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.
Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.
Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie
Prima parte Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata
Cookie persistente


2) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)


3) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)
Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.