BannerTopDEF2

Uniti nel dono: la storia di don Mario Fontanelli

Un grazie per il dono dei sacerdoti in mezzo a noi, questo il significato profondo delle offerte deducibili. I nostri preti infatti sono ogni giorno al nostro fianco ma anche noi possiamo far sentire loro la nostra vicinanza.

Una partecipazione che ci rende “Uniti nel dono”: questo il messaggio al centro della nuova campagna #DONAREVALEQUANTOFARE della Conferenza Episcopale Italiana che intende sensibilizzare i fedeli alla corresponsabilità economica verso la missione dei sacerdoti e si sofferma sul valore della donazione, un gesto concreto nei confronti della propria comunità.

A supporto della nuova campagna anche la pagina www.unitineldono.it/donarevalequantofare collegata al nuovo sito in cui oltre alle informazioni pratiche sulle donazioni, si possono scoprire le esperienze di numerose comunità che, da nord a sud, fanno la differenza per tanti.

L’opera dei sacerdoti è infatti resa possibile anche grazie alle Offerte per i sacerdoti, diverse da tutte le altre forme di contributo a favore della Chiesa cattolica, perché espressamente destinate al sostentamento dei preti diocesani. Dal proprio parroco al più lontano.  Ogni fedele è chiamato a parteciparvi. L’Offerta è nata come strumento per dare alle comunità più piccole gli stessi mezzi di quelle più popolose, nel quadro della ‘Chiesa-comunione’ delineata dal Concilio Vaticano II.

Le donazioni vanno ad integrare la quota destinata alla remunerazione del parroco proveniente dalla raccolta dell’obolo in chiesa. Ogni curato infatti può trattenere dalla cassa parrocchiale una piccola cifra (quota capitaria) per il suo sostentamento, pari a circa 7 centesimi al mese per abitante. In questo modo, nella maggior parte delle parrocchie italiane, che contano meno di 5 mila abitanti, ai parroci mancherebbe il necessario.

Le offerte raggiungono circa 33.000 sacerdoti al servizio delle 227 diocesi italiane e, tra questi, anche 300 sacerdoti diocesani impegnati in missioni nei Paesi del Terzo Mondo e 3.000 sacerdoti, ormai anziani o malati, dopo una vita spesa al servizio agli altri e del Vangelo.

L’importo complessivo delle offerte nel 2020 si è attestato sopra gli 8,7 milioni di euro rispetto ai 7,8 milioni del 2019. È una cifra ancora lontana dal fabbisogno complessivo annuo necessario a garantire a tutti i sacerdoti una remunerazione pari a circa mille euro mensili per 12 mesi.

 

Cristina, Vincenzo e una parrocchia di Fidenza in prima linea nella lotta contro la droga dalla fine degli anni ‘70 fino ad oggi

nel racconto di un sacerdote, don Mario Fontanelli, anche lui coinvolto nell’iniziativa

 

Quella che presentiamo nel testo che segue è la storia di don Mario Fontanelli, 74 anni, sacerdote della Diocesi di Fidenza, così come lui ha voluto che fosse raccontata: una semplice testimonianza di vita rischiarata sempre –anche nelle molte prove- dalla luce del Signore. Nessun desiderio di apparire né tanto meno di proporsi come modello esemplare, ma solo la conferma che “grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e santo è il suo nome”: il cantico del Magnificat che riecheggia in noi quando –come Maria- ci mettiamo umilmente in ascolto di Dio e della sua Parola.

Attualmente don Mario è parroco della chiesa di s. Maria Annunziata (e di altre due parrocchie), direttore del settimanale diocesano “Il Risveglio”, delegato per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso nonché canonico del Capitolo della Cattedrale.

Una data ha segnato una svolta nella vita di don Mario, che da quel momento non è stata più la stessa. Era il 25 giugno 1988: a quell’epoca aveva 42 anni e abitava a Bologna dove faceva il giornalista. Era passata da poco la mezzanotte quando il telefono squilla nel suo appartamento. Dall’altro capo del filo la voce inconfondibile di don Enrico Tincati, parroco e suo direttore spirituale: “Vieni subito, tua sorella sta male!”. Tornato a Fidenza, trova alla stazione il cognato Vincenzo che lo aspetta in lacrime: “Cristina non c’è più”. La sorella di don Mario era morta la sera prima in un incidente stradale: aveva 27 anni. Un dolore grande e una ferita profonda che non si rimargineranno facilmente. Seguono sei mesi di tormenti e di sensi di colpa per un rapporto affettivo coltivato a distanza e incapace di riconoscere il senso profetico di una scelta che più tardi avrebbe segnato anche lui.

Nel 1978 Cristina si era iscritta all’Università di Parma e frequentava il corso di laurea in Lingua e Letteratura russa, ma la tormentava il pensiero che l'altro fratello, Renzo, frequentasse il “giro” della droga. Quando lei e don Mario lo mettevano alle strette lui si scherniva dicendo che erano “solo le canne”, anche se sapeva bene che le sue bugie avevano le gambe corte. Il tempo passava e lui non accennava a cambiare, sicuro com’era che polizia e carabinieri non l’avrebbero mai “beccato”. Anni difficili: il flagello della droga si diffondeva dalle grandi città alle periferie e anche a Fidenza cominciò a mietere le prime vittime. Non si poteva stare a guardare.

Spiega don Mario: “Negli anni ‘70 don Enrico Tincati, parroco di S. Maria Annunziata, aveva coinvolto la parrocchia nella costruzione di un progetto educativo per la prevenzione della droga. In parrocchia si erano svolti molti incontri per approfondire il problema sulla base del ‘Progetto uomo’ di don Mario Picchi e dei corsi di formazione promossi dal Centro Nazionale del Volontariato a Lucca. Quando don Enrico chiese se c’era qualcuno intenzionato ad approfondire l’argomento delle dipendenze, si alzarono le mani di Cristina e del suo fidanzato Vincenzo. Era il segnale che attendeva: un impegno concreto a favore dell’uomo come parte integrante della propria giornata. Non un riempitivo (lo faccio se ho tempo, se ho voglia, se non sono stanco, se non ho altro da fare …), ma essere segno della Chiesa di Cristo che vive dove scorre il fiume della vita: il mondo del lavoro, il mondo dei giovani, il mondo della donna. E sempre in ascolto, soprattutto degli ultimi.

Cristina e il fidanzato Vincenzo vi partecipano attivamente e coinvolgono altre persone, giovani e adulti.

cristina. n

(Cristina e Vincenzo il giorno del loro matrimonio)

Il 7 dicembre 1981 la comunità parrocchiale di s. Maria Annunziata esce allo scoperto e promuove un incontro al teatro Magnani, stipato fino all’inverosimile, sul tema: “Un’esperienza di liberazione dalla droga raccontata da due protagonisti”. Grazie a questa iniziativa (e a quelle che seguiranno) la città, insieme alle sue istituzioni, è chiamata a prendere coscienza del fenomeno-droga e del quadro che lo caratterizza, mettendo via via da parte pregiudizi e luoghi comuni dove il “drogato” viene visto come una sorta di appestato da emarginare perché “irrecuperabile” a livello individuale e ”pericoloso” socialmente. No! Siamo prima di tutto davanti a persone con il loro carico di problemi e di sofferenze, all’interno di quell’area vasta chiamata “disagio giovanile”, che come cristiani abbiamo il compito di riconoscere prima di avviare con loro (e con la famiglia di provenienza) una relazione di aiuto all’interno di un cammino di recupero e di rigenerazione. Non solo per liberarli dalla schiavitù della droga (e di altre dipendenze), ma soprattutto per costruire “l’uomo nuovo” e motivare le sue scelte di vita futura secondo un progetto ben preciso che prevede varie tappe.

Manca però un luogo operativo che faccia da punto di riferimento per portare avanti il progetto iniziale e a questo punto è decisivo l’intervento di mons. Mario Zanchin, allora vescovo di Fidenza, nel mettere a disposizione della parrocchia e del volontariato un podere da tempo abbandonato”.

Ma il Vescovo volle che anche la Diocesi si sentisse coinvolta nel progetto, e nel documento finale del XIII Sinodo locale (1987) fece inserire l’art. 152 dove l’iniziativa viene definita “promettente e bisognosa di essere seguita con amore” sollecitando nello stesso tempo “altre case famiglia a rendersi disponibili per accogliere giovani in difficoltà, ma disponibili a farsi aiutare”. La risposta del volontariato in quegli anni fu straordinaria: la speranza cristiana si incarnava in un Vangelo, fatto non di parole astratte ma reso presente e vivo a stretto contatto con la quotidianità. Evangelizzazione e promozione umana, diventavano in concreto una cosa sola. 

22 ottobre 1983: nel giorno del loro matrimonio Cristina e Vincenzo vanno a vivere in quella che poi diventerà la comunità terapeutica “Casa di Lodesana”. Anni difficili, e non solo per la mancanza di mezzi economici, ma perchè l’accoglienza non si improvvisa.

Ma nulla è impossibile a Dio, e così anche il futuro don Mario viene coinvolto nell’iniziativa.

Martina Pacini

IMG 2512

(Casa di Lodesana, oggi)

Ultima modifica ilSabato, 06 Novembre 2021 13:31

NOTA! Questo sito utilizza solo cookies tecnici strettamente necessari al suo funzionamento, NON sono presenti cookies di tracciamento dell'utente

Puoi "Approvare" o leggere le note tecniche di riferimento... Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.
Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.
Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.
Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.
Tipologie di cookies utilizzati
Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.
Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.
Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.
Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.
Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.
Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.
Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie
Prima parte Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata
Cookie persistente


2) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)


3) Tipologia di Cookie
Prima parte - Funzionale
Provenienza
Open Source Solutions
Finalità
Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)
Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

 

Informativa Privacy ai sensi del RE 2016/679